Pressione Acqua Calda Bassa

La nostra assistenza opera registrando periodicamente la tipologia di interventi che vengono eseguiti. Per questo detiene alcune statistiche sulle attività di assistenza e può affermare che, lo scorso anno, per 236 interventi hanno riguardato la pressione bassa dell’acqua calda.

Pressione acqua calda bassa

Il numero appena indicato, i 236 clienti che ci hanno chiesto un intervento a causa di acqua calda con pressione bassa, nasce da esperienza diretta acquisita dai nostri tecnici sul campo.

Da un punto di vista funzionale, una caldaia che eroga poca acqua calda apparentemente funziona in maniera regolare poiché alla partenza non mostra segni di tentennamento o di anomalia alcuna. Durante il funzionamento, invece, potreste notare comportamenti anomali che andremo qui di seguito a descrivervi.

Inoltre, potrebbero esserci indicatori “fisici” che andrebbero ricollegati alla pressione acqua calda bassa: il tecnico saprà darne diagnosi definitiva ma voi stessi potreste verificarne la presenza.

Cause della Pressione Bassa Acqua Calda

Confrontandoci con il gruppo tecnico che compone la nostra assistenza abbiamo definito la serie di condizioni tecniche che causano con maggior frequenza, quindi con più probabilità, il calo della pressione sull’acqua calda.

Scarsa pressione rete idrica: la pressione idraulica delle rete domestica, quindi interna della caldaia, è fondamentale dal momento che l’impianto “funziona” grazie alla circolazione dell’acqua. Se in casa avete scarsa pressione in ingresso di acqua, la caldaia ne subirà le conseguenze. Oppure, potrebbe essere la caldaia stessa ad avere pressione scarsa al suo interno: in tal caso potrà essere ripristinata la corretta pressione della caldaia tra 1 e 1,5 Bar.

Ostruzione dovute al Calcare: se l’acqua domestica è molto dura a causa delle presenza di calcio, il gruppo acqua della caldaia potrebbe essere soggetto ad accumuli di calcare. Le ostruzioni interessano, generalmente, lo scambiatore: si riduce lo spazio utile per la circolazione dell’acqua di cui si riduce la quantità in uscita con una pressione bassa di acqua calda ai rubinetti.

Pompa di circolazione difettosa: l’acqua viene messa in circolazione nella caldaia dalla pompa. Grazie ad essa l’acqua viene spinta verso il gruppo acqua per cui, in caso di anomalie o di un suo guasto ne risente anche la pressione di acqua calda prodotta.

Valvola a tre vie difettosa: Una caldaia che produce acqua calda sanitaria per i rubinetti, ma anche acqua calda per i termosifoni dispone di una valvola che, a seconda della richiesta, dirotta l’acqua verso una, anziché l’altra destinazione. Anche questa valvola, causa calcare e usura, può subire difetti al punto che, se i suoi meccanismi interni si inceppano, i rubinetti potrebbero ricevere poca acqua calda. Ne deriverebbe scarsa pressione.

Manutenzione sui rubinetti: questo è un aspetto sottovalutato, eppure anche i rubinetti (lavandini, doccia, lavello) devono essere verificati. Ognuno di essi dispone di una “cartuccia” interna che soffre l’usura e la durezza dell’acqua (calcare), per cui il cattivo stato ha conseguenze anche sulla pressione dell’acqua calda in uscita.

Assistenza su Pressione Acqua calda Bassa

Le indicazioni fornite non costituiscono una guida per l’utente finale della caldaia. Non potrete, tentare alcuna azione quindi il consiglio rimane quello di provvedere all’intervento di un esperto. Il nostro Centro è disponibile per assistenza mirata su tutta Roma dove può raggiungerci con i propri esperti qualificati.
Per assistenza e sopralluoghi